What am I doing here in Toronto?

What am I doing here?

How many times have you ever said this? 

I, who am a professional overthinker, have thought about it in different moments of my life: when I was in places, in jobs, and with people who did not belong to me, but I never expected to find myself faced with this question here in Canada too, finally with my boyfriend, Shreyank.

But what am I doing here?"

These were the first words that rang in my head on my first sleepless night in Toronto.

“It must be jetlag. Luckily I brought a box of Bonomelli Chamomile (italian brand) in my suitcase! "

One, two, three sleepless nights, and then some more.

At night I could not sleep at all: my worries about the pandemic, the visa, the work had not vanished, they had come with me but had not yet synchronized with local time. Plus the guilt of course:

You are never happy!

I kept my eyes wide open as my head tried to adjust to the new pillow Shreyank had bought from Dollarama, our "All for 1 dollar".

We love our window in Toronto.

I've never struggled to fit in, why should I have trouble now? I have Shreyank here, we are together after a year apart, and now I am lucky enough to live in a country with a high quality of life and where I can sleep on a mattress higher than two centimeters (a reference to my mattress in Mumbai).

It all boomed. It was all amplified. My head felt heavy, I felt that the thoughts were tangled in each other but I could not decipher them.

I used to watch outside of my window.

“I'm really in Toronto, I'm really here”.

I looked at Shreyank's profile while he was asleep:

"I don't understand why he hates his nose, I find it really beautiful!"

If he finds out I put this picture...

Mandatory quarantine when you arrive in a new country is like a shock therapy. You are frantic, you want to see outside.

But you are inside.

(After all these months of restrictions, when I got on a plane I really felt privileged. I fly while the world is still, and seeing it from the clouds it still seems a wonder to me. We humans can fly, and while we do it we watch a movie and eat, if this is not a privilege I don't know what else to call it.

Tourism has accustomed me to speed, to scrape countries on a map, to bar them from a list of places to see, nothing is too far away, if the layover fits well.

Check In - Check Out, you are on the other side of the world and you don't even notice it. We buy the distance between countries, between continents, then we ask ourselves why we don't understand each other! We seem accessible.)

I wore this t-shirt on my flight to Canada "It's not flying but falling with style", drawn by Umbi.

I could have used this quarantine as an entrance door, a beautiful waiting room, a stopover. I could have literally isolated not only the virus, but my thoughts, rest, recharge. But I didn't. But one thing, this quarantine made me understand: I am far.

But I am inside!

And, one more time:

but what am I doing here inside?

Maybe outside is better. I think.

I absolutely have to do something!

To tell you the whole truth, being here was a great pain for me, I really felt I had won a very tough battle, but to my great surprise I was already ready to plan strategies for the next fights.

I have to find something to do here. I want an answer!"

I landed on November 3rd and on the 4th I already had the computer in my hands, I had ousted Shreyank from the hundredth hand desk he had brought from his old house and I immediately started looking for jobs.

Attach CV, cover letter, send, do this, come on, next, this is Easy Applu, click. 

Thus I spent hours of my day, and in the evening I still could not sleep.

Freedom came.

After 14 days I can go out. I was in seventh heaven! The first day of freedom I am ready at 7 am and I ask Shreyank to go and get breakfast outside.

Cinnamon roll by Tim Hortons - famous Canadian coffee chain.

It was nice.

In the afternoon I meet with G., an italian girl I have met thanks to the #LoveIsNotTourism movement, here in Toronto for my same reason. That was nice too.

The city looks like a desert. Shortly thereafter they would announce new restrictions.

It wasn't better outside. 

But what am I doing here inside and outside?”.

More guilt, of course.

One of my favorite movies comes to mind, “Vicky, Cristina, Barcelona” - and this quote “Chronic dissatisfaction, that's what you have ”: I feel this a lot because it is the moto (and agony) of my generation. Come on, I don't like to generalize, so I say it's my agony! (But I know that it's true for many other people too).

Photo taken from the web, extracted from the mentioned film.

I start walking

Shreyank works during the week and I started going for walks. I started to explore the neighborhood.

It doesn't belong to me. I try to stay as much as possible in the parks, the squirrels remind me of the park in my city in Italy, where apparently a couple of American squirrels have exterminated the European ones! 

Me, photographing myself while I think about the cruel fate of the squirrels of Legnano, my town.

But the city, I don't feel that the city belongs to me.

(And I know I'm wrong in making comparisons. They are boring but the explosion in the heart that I felt once I arrived in Mumbai is incomparable...). I don't study, I don't work, I'm not a tourist.

But what am I doing here?”.

The truth? The truth!

I'm Yasmin, a 27 year old girl, in love and if I'm in Canada it's just for love. 

And I'm a little ashamed of it. It is not easy to admit it.

I, like many, I imagine, live the weight of judgement. I'm wrong, maybe, but it's the truth. I grew up in a generation and in a culture that rewards individualism, where independence is only for the individual, where you have to prove that you are special, that you are something, and successful. Where love is your enemy.

I did it for love!" it's a foolish gesture for most.

"But what do you do there?" "What do you want to do?" "He has his life settled!" "Besides making sandwiches for Shreyank what will you do?"

I have heard all these questions for real and from friends, who I imagine care for me or who were giving me advice (yes, but projecting their ideals on me).

But I heard these things and they hurt me.

What am I doing here?

To tell the truth I do many things, sometimes nothing, but who cares! I started this blog, for example.

I am here, and I know why I am here, and I don't want to be ashamed of it anymore: I have moved country for love.

And that doesn't make me a less independent woman. This makes me Yasmin, a woman who has decided to start a project called family, where there are me, him and us. A woman who always has her dreams and goals, and no, it's not easy to balance everything, but by now you know it, I've been a tightrope walker for a lifetime.

When I admitted the truth to myself, I began to enjoy all this uncertainty, I am open to risk, I am vulnerable - and all of this tastes like life, adult life, which is my present.

Thanks for reading until here.

I hope you are brave enough to be vulnerable and give yourself time.

Comment this. What do you think? Do you agree?

14 thoughts on “Che ci faccio qui a Toronto?”

  1. Valeria Lazzarin

    Ti adoro. Trovo che l amore vero sia un sentimento che non ha opposti. Ti auguro di rimanere sempre aderente a chi sei, le scelte sono spesso toste, e solo tu puoi capire quale scelta fare. Vivi la giornata senza aspettative e già questo ti aiuterà ad attraversare i disagi.

    1. Ciao Valeria, mi fa molto piacere sapere che leggi questo blog. Grazie mille per queste parole. Sto imparando e mettendo in pratica proprio quello che dici tu! Non è semplice ma sono certa che sia un bellissimo approccio! Ancora grazie! Un abbraccio.

  2. Ah, Yasmin cara, come ti capisco. Prima mi sono trasferita in Germania per amore (non quella figa di Berlino, ma la Germania dove si contavano più mucche che abitanti). Poi a Bruxelles in un monolocale claustrofobico con bagno e cucina in condivisione con un medico belga (nel monolocale il mio adorato dizionario di svedese è stato scaraventato con tale forza che ancora ne porta i segni… d’altronde io volevo stare in Svezia). Poi Bruxelles me la sono cucita addosso fino a credere che non avrei potuto più farne a meno (nel frattempo lui se n’è andato, io sono rimasta… c’est la vie!). E poi quando pensavo di essere arrivata a capirci qualcosa della mia relazione con Bruxelles, di aver capito che lì era il posto giusto… Ecco, di nuovo per amore mi sono trasferita a GERMIGNAGA. Ho lasciato il mio adorato appartamento bohemien pieno di bottiglie di birra e allegria per GERMIGNAGA. Ed eccomi di nuovo a ripartire, a ripensare la mia vita, a dovermi integrare… per amore. Dopo quasi sei anni posso dire di non essermi mai adattata. Ma credo di aver capito che questo è il mio modo di guardare la vita. Un po’ da estranea, che vuole scoprire tutto e non legarsi a niente. Se non alle persone. E allora viva l’amore che non lascia il tempo di ancorarci a sicurezze effimere ma a ci rende pronte a rimescolare le carte, ad accogliere le sorprese della vita. Ad allargare le braccia agli altri.

    1. Cara Francesca, che bello questo commento, che non è un commento ma una storia! Me lo immagino il tuo dizionario di svedese volare, l’appartamento bohemien e anche la realtà di GERMIGNAGA, che mi ha sempre fatto divertire mentre la raccontavi (o forse erano le tue espressioni?)! Trovo bellissimo quello che dici e ti ringrazio: è il tuo modo di guardare la vita e, a dirti la verità, sto iniziando anche io a fare pace con me stessa ed accettare questa prospettiva. Siamo allo stesso tempo straniere, provinciali, viaggiatrici, innamorate e piene di vita! Ti abbraccio forte, grazie!

  3. Cosa ci fai lì, cosa ci facevi qui, là, in tutti i posti in cui sei stata? Stai costruendo e trovando te stessa e le persone che ti sono vicine (col cuore) lo sanno. Le domande che ti arrivano possono sembrare sbagliate, c’è chi non vuole capire, oppure vengono fatte solo per paura. Tu sii felice! Ma ogni tanto anche un po’ insoddisfatta cronica, ovviamente. Ci piaci sempre.

  4. Mi ritrovo tanto in questo tua storia, Yasmin. Il senso di insoddisfazione perenne che sento anche io, lo racconti come se fossi nella mia testa. Niente è mai abbastanza. Anche se non vedevi l’ora di raggiungere un posto, non appena ci sei, devi raggiungerne subito un altro. Riflettere su quello che senti e sui motivi che ti hanno portato lì è un’introspezione che ti può fare solo del bene e farti essere più razionale quando inizi a giudicarti da sola. Ti fa fermare e dire, ma io sono qui! Non più con il punto interrogativo. Perché sei andata riguarda solo te ed è vero che ci importa sempre il giudizio degli altri, ma la vita è tua, le decisioni che prendi sono importanti e fanno parte di te e di quello che sei e sarai. Se fossi andata lì per conoscere gli scoiattoli assassini arrivati a Legnano, sarebbe andato bene comunque, perché sarebbe stata comunque una tua decisione. Ti ammiro tanto e adoro il tuo blog! Bacioni

    1. Ciao Sabrina, grazie mille per questo bel commento, e per le parole di incoraggiamento. Sto imparando a mettere in pratica proprio quello che dici tu: fermarmi, realizzare che sono qui, nel presente, prendere decisioni e limitare il peso dei pensieri esterni. Grazie mille! Avessi una cura per questa nostra insoddisfazione cronica, la condividerei con te :). Non sono sicura che un rimedio del tutto efficace esista, in qualche modo resterà sempre una parte di noi, ma un inizio è accettarlo e sì, mettere in pratica tutto ciò di cui decivi sopra! Un abbraccio.

  5. Ci vuole coraggio Yas e tu ne hai a carriole!
    Ispirante leggerti, leggervi.
    Se molta gente avesse metà del coraggio e della voglia di metterti in discussione che hai tu, sarebbe più felice, ma non lo sa.
    Grazie di condividere con noi questa vostra nuova vita.
    Vivi

  6. Grazie per condividere le tue storie e i tuoi pensieri.
    In questa riflessione in particolare mi ci trovo molto. Ho lasciato famiglia/amici /lavoro/abitudini, insomma tutto, per trasferirmi per amore.
    Cosa che in realtà non ho mai ammesso apertamente per paura dei giudizi altrui ma anche miei
    Sapere che ci sono altre persone che hanno fatto questa scelta e che lo ammettono apertamente mi fa sentire meno sbagliata.
    In bocca al lupo, ti mando un abbraccio

    1. Grazie Selene! Non sei sbagliata e onestamente non hai nemmeno bisogno di raccontare le tue ragioni apertamente come ho fatto io. Ho pensato a lungo mentre scrivevo questa storia se pubblicarla o meno, perché mi sembravano un insieme di giustificazioni che alla fine non devo a nessuno. Poi mi sono ricordata perché ho aperto questo blog: per connettermi con persone che stanno vivendo o hanno vissuto esperienze simili, e farle sentire meno incomprese. E se ci sono riuscita, solo con una persona, ne sono felice! Crepi il lupo, e buon vento a te! 🙂 Grazie!

  7. Sei partita per amore. E questo è un traguardo nobile, perché è un traguardo per la tua felicità.
    Capisco l’insoddisfazione, una croce della nostra generazione.
    Nel mondo che soffre, ci sentiamo in colpa quando qualcosa ci rende felici, e subito cerchiamo i lati ancora non “a posto” del nostro presente, perché insomma, siamo del privilegiati a poter esser felici, ma non lo siamo mai del tutto.
    Ma… a piccoli passi, tu ti stai riprendendo la tua felicità. E il mondo soffre un poco meno.

    1. Grazie mille per questo commento, Sarex. So che molti si ritrovano nelle mie parole, in questa ricerca della felicità che ci rende così infelici, perfezionisti dell’imperfezione.
      Hai ragione, baby steps, a piccoli passi, si soffre meno ad andare piano? Lo scopriremo 🙂

Leave a Reply

Your email address will not be published.